Storia della paglia come materiale da costruzione

1850

Nate per necessità: le prime case di paglia
Con l'invenzione delle ballettatrici intorno al 1850 in Nebraska, per ovviare alla mancanza di legno, i coloni iniziarono ad adottare le balle di paglia come mattoni per costruire muri di magazzini e baracche di abitazione.

1920

Prime case di paglia in Europa
. A seguito della carenza di materie prime, in coincidenza con la fine della prima guerra mondiale e negli anni a seguire, in Francia ed Inghilterra si costruirono numerosi edifici con la paglia, impiegata sotto forma di ballette e pannelli. Fra questi va annoverata la famosa Maison Feuilette, una delle case di paglia più antiche d'Europa, costruita nel 1921 ed abitata ancora ai nostri giorni.

2006

S-House del GRaT in Austria - Böheimkirchen. 
Nata con il preciso scopo di costruire un edificio che nella fase di costruzione impegnasse 10 volte meno risorse di un edificio convenzionale, la S-House fu realizzata con la paglia. Essa rappresenta oggi un vero e proprio punto di riferimento che si ritrova citato in molte pubblicazioni in tema di ecologia e sostenibilità ambientale. L'architetto Jörg Scheicher insieme al Gruppo di Tecnologie Applicate (GRaT) è considerato come il vero antesignano del costruire ecologico in Austria.

2015

Edificio in paglia di 5 piani a Verden a.d. Aller
Nel 2015 a Verden an der Aller (DE) è stato costruito il primo edificio di 5 piani isolato con la paglia. Gli architetti Dirk Scharmer e Thomas Isselhard hanno con questo dimostrato come l'utilizzo della paglia possa essere conforme alle moderne norme di protezione antincendio.

2018

ISO-Stroh
ISO-Stroh è un prodotto insufflabile, altamente depolverizzato e grazie alla sua Approvazione Tecnica Europea ETA porta l'isolamento con la paglia ad un livello notevolmente più competitivo in termini di economia e sicurezza del risultato. La certificazione ETA amplia la gamma di applicazioni della paglia nelle costruzioni e rappresenta inoltre un contributo importante in tema di salubrità ambientale, ecosostenibilità , cattura e stoccaggio del CO2.

Il futuro

Siti di produzione in tutta Europa
L'impianto per la produzione di ISO-Stroh è stato progettato sin dall'inizio per diventare un sistema compatto che richieda solo un minimo di manutenzione. Dalla metà del 2018 è a disposizione di quei partner che sono interessati alla produzione. Il nostro progetto è di pervenire ad una distribuzione su scala regionale di ISO-Stroh passando per una rete europea di centri di produzione .